Nuovo Contratto Collettivo. Nazionale Di Lavoro. Colf E Badanti, PDF Migliore Fac Simile Lettera Di Licenziamento Colf, Preavviso

Nuovo Contratto Collettivo. Nazionale di Lavoro. Colf e Badanti, PDF, Fac simile lettera di licenziamento colf con preavviso

Altre Galleries Fac Simile Lettera Di Licenziamento Colf Con Preavviso

Nuovo Contratto Collettivo. Nazionale Di Lavoro. Colf E Badanti, PDF - Tempo di servizio assistenti domestici e caregiver 1. Inoltre, nel caso di un contratto a tempo ridotto (fattore 2), la durata regolare del tempo di funzionamento concordato, principalmente in base all'art. 15 delle persone di casa ccnl, è la maggior parte: - 10 ore non consecutive, per un totale di 54 ore nel caso di collaboratori conviventi; - 8 ore non consecutive, per un totale di 40 ore all'interno del caso di collaboratori non conviventi, distribuite su 5 o 6 giorni alla settimana; i contratti possono essere stipulati con meno ore, tuttavia: - per i collaboratori non conviventi, la retribuzione mensile varia in base alle ore contrattuali; - per i collaboratori conviventi la retribuzione mensile rimane fissa anche quando le ore contrattuali settimanali variano; quali aggiustamenti sono i contributi, che possono sempre essere calcolati principalmente in base all'orario di lavoro. 2. Esiste la possibilità di mettere in atto collaboratori con un accordo parziale di 30 ore per i livelli b, bs, c (o nel caso di studenti universitari dai 16 ai 40 anni). In questo caso: - il tempo dovrebbe essere interamente coperto tra le 6.00 e le 14.00, o tra le 14.00 e le 22.00 o al massimo 10 ore non consecutive coerenti con il giorno per 3 giorni ogni settimana. Quando i collaboratori b, c o bs sono inquadrati, quindi, c'è la possibilità di effettuare un insediamento da 2 a 30 ore e: - per i collaboratori non conviventi la retribuzione mensile varia in base alle ore contrattuali - per i conviventi collaboratori il mese- la retribuzione mensile rimane fissa ed è l'unica indicata in quanto la retribuzione del contratto mensile è diminuita di 30 ore. Quali modifiche sono i contributi, che potrebbero sempre essere calcolati in base totalmente alle ore di funzionamento. In sintesi: - in occasione di un accordo come collaboratore non convivente, devo tenere a portata di mano la tariffa oraria minima installata sulla base del livello dopo il quale il canone mensile e quello dei contributi variano al passo con le ore lavorato. - Nel caso, in alternativa, di un contratto come complice convivente il mensile è: a) fisso, indicato nella tabella a della ccnl, per un contratto che può variare da 2 a 54 ore settimanali per tutte le categorie (eccetto nel caso b); b) costante, indicata nel banco d del ccnl per contratti ridotti, per i tipi c, b e bs che possono variare da 2 a 30 ore; tuttavia i contributi, qualunque sia il guadagno, sono calcolati principalmente in base alle ore settimanali sicuramente lavorate. Riposi settimanali per dipendenti domestici e badanti come richiesto dall'opera d'arte. 14 e art. 15 (paragrafo 4): 1. Per le persone conviventi, il rilassamento settimanale è di 36 ore (1 e 1/2 giorni): la domenica di mezza giornata concordata durante la settimana. Se un collaboratore lavora entro le 12 ore di riposo infrasettimanale il salario orario dovrebbe essere aumentato di 40 sulla retribuzione di fatto, mentre se domenica con la remunerazione di 60. Inoltre, sono le miglia fornite, nel caso in cui il collaboratore ora non funziona interamente entro le 14.00 / 22.00 o le 6.00 / 14.00, un rilassamento intermedio non retribuito di almeno ore, durante il quale il dipendente può decidere se rimanere o meno nella casa del datore di lavoro. 2. Per i dipendenti non conviventi, il resto, con il rinnovo del contratto del 21 maggio 2013, è ridotto a 24 ore o in futuro (prima che si trasformasse in un giorno e 1/2 esattamente come i conviventi) per essere apprezzato domenica. Il riposo domenicale è essenziale. In occasione di una richiesta oltre l'orario regolare in questo giorno, il collaboratore dovrebbe essere pagato con la paga realmente moltiplicata per 60 e un giorno di riposo dovrebbe essere concesso il giorno immediatamente successivo. Più semplice se il dipendente si avvicina a una religione religiosa che prevede il riposo in un giorno diverso da domenica, gli eventi possono concordare di alternare il giorno di relax. Ma la domenica è il sessantesimo boom. Se il collaboratore non convivente lavora per un tempo identico o superiore a 6 ore con una presenza continua all'interno del luogo di lavoro, dipende dal pasto o da un'indennità sostitutiva identica al suo valore tradizionale. L'ora di cena, tuttavia, può essere concordata tra le parti e non retribuita. Orario di lavoro per l'accordo per modificare il rilassamento del caregiver principale: l'articolo 15, paragrafo nove della ccnl del 21 maggio 2013 introduce anche un nuovo approccio di gestione. I datori di lavoro possono noleggiare un collega solo per coprire gli intervalli di rilassamento del collega principale. Si prevede che: a) la misura in cui il dipendente è classificato può essere: cs o ds; b) può essere stipulato il migliore per sostituire i collaboratori a riposo; c) che la remunerazione è quella indicata nel desk g (per il 2013: cs euro 7,14, ds euro otto,61), indipendentemente dal fatto che il resto ricada di sabato o di domenica. Lavoro di alta qualità per i lavoratori a domicilio e gli accompagnatori: le ore di lavoro necessarie oltre il massimo previsto ogni giorno devono essere remunerate con una remunerazione di fatto migliorata di: - 25 se i dipinti sono completati tra le 18 e le 22; - 50 se i dipinti vengono eseguiti tra le 22:00 e le 6:00 (serata di prim'ordine). Se, in alternativa, è un normale notturno (20 a pagamento); - 60 se i dipinti vengono eseguiti la domenica o nel corso delle vacanze; - quaranta se i dipinti sono forniti da un collega convivente ad un certo punto nella durata del relax di mezza giornata a metà settimana; - 10 se i dipinti sono finiti utilizzando un impiegato non convivente per le ore che superano i quaranta e fino a quarantaquattro nella fascia oraria 6.00 - 22.00. Il tempo oltre l'orario regolamentare, oltre al caso di un'emergenza, dovrebbe essere richiesto con un giorno di anticipo.